Archive for maggio 2014

Milano Inferno, con Andrea Napoli, Primo e Tormento

Andrea Napoli, accompagnato dai rapper  Tormento e Primo presenta il secondo capitolo della saga sulla Milano che nessuno vuole vedere.

Venerdì 23 maggio alle ore 20.00

Crabby Brothers, viale Gorizia 34 angolo Ascanio Sforza, zona Navigli/Ticinese (Milano)

Aiutiamo Victor a riabbracciare la sua famiglia

Allora ragazzi questo è Victor, un lavoratore nigeriano di 43 anni con moglie e due bellissimi bimbi. Lavorava in Libia fino al 2011 e con il suo impiego nel ramo dei serramenti riusciva a mantenere la propria famiglia. Dopo la guerra civile a lui e a tutti i suoi compagni è stato ordinato di lasciare il paese immediatamente in quanto stranieri di pelle scura. Sono stati trascinati nel deserto e picchiati, tanto che Victor, già diabetico, ha riportato danni permanenti agli occhi. Arrivato su un barcone in Sicilia, da ormai tre anni non vede la sua famiglia. L’ho conosciuto personalmente e la sua storia ci ha toccati profondamente.
Pertanto con CHINASKI EDIZIONI abbiamo deciso di destinare parte dei diritti delle vendite del libro – Camminare Domandando Ultime Conversazioni con Don Gallo di Federico Traversa – in uscita il 27/05 in Liguria in allegato al Il Secolo XIX e nel restod’Italia a settembre, alla sua vicenda umana.
Se l’importo completo di viaggio, passaporto e soggiorno in Nigeria sarà coperto dalle vendite del libro bene, altrimenti supporteremo Victor di tasca nostra. Ci sembra il modo migliore per ricordare Don Gallo. Quindi, se avete piacere dateci una mano acquistando il libro che costerà appena 7,90 euro.
Vi chiediamo inoltre – se possedete abiti da bambino intorno ai 3 anni e da bambina intorno ai 6 e scarpe numero 26 (bimbo) in numero 30 (bimba) in buono stato – di comunicarcelo privatamente. Non vogliamo che Victor vada dai suoi bimbi a mani vuote. Se la Questura non ci mette una vita a rilasciargli il passaporto nuovo, contiamo di farlo partire ai primi di giugno. Monitoreremo tutto il suo viaggio sulla nostra pagina ufficiale di facebook, in modo che tutto sia fatto nella massima trasparenza.
Grazie a tutti del supporto.
 

Perchè Chinaski non sarà al Salone del Libro di Torino

Cara Tribù, anche quest’anno inizia il Salone del libro di Torino, e anche quest’anno noi non ci saremo. Si tratta di una scelta, che facciamo per il secondo anno di fila dopo quattro presenze consecutive, che nasce naturalmente da considerazioni di ordine pratico, siamo prima di tutto genovesi – che non vuol dire solo tirchi, ma accorti – e non possiamo non notare che i costi salgono e l’interesse del pubblico scema. Ma il fattore economico è solo una piccola parte del problema.

Il problema vero è il contesto.

E il contesto parla di un mercato dell’editoria sempre più in mano ai grandi gruppi, che al Salone di Torino spadroneggiano monopolizzando eventi, spazi, pubblico. L’oligopolio tutto italiano, che vede pochi gruppi a gestire sia pubblicazione, che distribuzione e vendita, sta strangolando la credibilità di questo settore, e intanto le librerie indipendenti chiudono, le case editrici indipendenti chiudono, le testate indipendenti chiudono, l’informazione si dissolve sulla rete informatica coll’illusione di sentirsi meno sola. E intanto, il pubblico ha sempre meno scelte, e sembra quasi esserne contento. E intanto, il consumo di libri, di qualsiasi natura, sta diventando un fatto davvero marginale, in questa che dovrebbe essere l’era della comunicazione. Cosa sta mancando, davvero? Non abbiamo diagnosi né ricette noi di Chinaski. Sappiamo soltanto che la nostra produzione soffre, incespica, ma continua, cocciuta e sorda, di fronte a tutti gli spauracchi che ci vengono agitati contro, più o meno in buona fede. Sappiamo soltanto che adesso un libro che ieri, nel 2011, poteva raccogliere 1500 prenotazioni, e non stiamo parlando di cifre impressionanti, oggi ne fa a mala pena 400. Sappiamo solo che il nostro fatturato in libreria ieri era l’85% del nostro fatturato totale, oggi non arriva al 30%. E non è merito dell’aumento del nostro fatturato totale, tutt’altro. Sarà solo colpa nostra? Di certo, non siamo più sicuri di trovare in questo tipo di fiera il contatto con il nostro pubblico, con la nostra Tribù, che continua a crescere, nonostante la poca attenzione che il circo della comunicazione ci ha normalmente rivolto, nonostante il fatto che sia sempre più difficile fare impresa in questo paese, nonostante l’incessante trasformazione dell’editoria in mercato di mero consumo, a discapito di tante idee interessanti, ma che non sono abbastanza rivestite del dovuto clamore mediatico. Di certo, nonostante tutto, continuiamo a fare libri, e andremo anche a diverse fiere, ma di quelle senza pretese, di quelle fatte per amore dei libri e delle parole, fatte per esprimere comunità di interessi e orgoglio per il proprio lavoro. Non siamo gente che lo fa per il gusto del bel gesto. A noi piace vendere libri, e piace vedere le persone felici di acquistare i nostri libri. E pensiamo sia lecito sperare di guadagnarci sopra il giusto. Quello che non ci piace è la cancellazione dell’istruzione dai pilastri di fondazione del Paese, quello che non ci piace è l’eliminazione delle persone in favore dei personaggi, quello che non ci piace è l’impoverimento del linguaggio, l’impoverimento delle coscienze. Chiaramente, non è tutta colpa del Salone del libro di Torino, ma questo evento è diventato un po’ un simbolo di tante cose in cui non riusciamo più a riconoscerci, senza per questo sentirci né migliori né peggiori di quelli che adesso sono a Torino ad esporre, e sono tanti, tra i quali anche tanti nostri colleghi piccoli e tostissimi che hanno tutta la nostra stima. Ma la sgradevole sensazione di essere il contorno decoroso che rende accettabile l’ennesima esibizione di forza da parte dei soliti noti stiamo cercando di togliercela di dosso. Oggi un grande editore italiano lancia un nuovo formato di libro. Forse può essere una soluzione in più per affrontare la crisi, anche se si tratta di una soluzione assai costosa dal punto di vista della produzione, e che non sarà facile da diffondere, nemmeno per cotanto colosso. Noi restiamo piccoli per un altro po’ e cerchiamo di continuare a dedicarci ai contenuti. E ai nostri lettori.

Don Gallo nel nuovo libro di Federico Traversa

Il nuovo libro di Federico Traversa uscirà in anteprima per la Liguria in allegato al Secolo XIX il 27 maggio 2014. Nel resto d’Italia sarà invece fuori a settembre. Il prezzo sarà super politico: 7,90.

Si intitolerà “Camminare Domandando-Ultime Conversazioni con Don Gallo” e racconterà gli ultimi mesi di collaborazioni con Don Andrea prima della sua scomparsa.

Ci saranno interventi e storie raccontate anche da tanti amici e collaboratori del Gallo: Domenico Chionetti, Flavio Gaggero, Tonino Carotone, Manu Chao, e tanti altri.

Con parte dei diritti del libro manderemo in Nigeria a trovare moglie e figli che non vede da due anni, Victor Odhekhian. Victor lavorava nei pozzi petroliferi in Libia e, deposto Gheddafi, è stato insieme ad altri connazionali allontanato dal paese, tradotto nel deserto e picchiato, riportando danni permanenti agli occhi. Arrivato in Italia come profugo sta cercando di rifarsi una vita. Il suo ritorno a casa verrà monitorato e raccontato sulla pagina facebook di Chinaski Edizioni.

Per ora questo è tutto.

Franco Henriquet ed Enrico Cirone al Palazzo Ducale di Genova

lunedì 12 maggio alle ore 18 presso la sala del Munizioniere – Palazzo Ducale di Genova – Franco Henriquet ed Enrico Cirone presenteranno il libro “La Strada di Henriquet”

Presentazione di “Canapa medica – Viaggio nel pianeta del farmaco proibito” a Savona

mercoledì 14 maggio 2014 alle ore 18.00 presso la Libreria Ubik di Corso Italia, 116 r – 17100 -Savona, Fabrizio Dentini presenterà il libro “Canapa medica. Viaggio nel pianeta del farmaco proibito”