Shoot me! – La verità dell’omicidio Lennon

22.00

Joe Santangelo

Formato 15×21

Pagine 408

Descrizione

Il primo romanzo documentale sull’omicidio Lennon. Perché John Lennon e Mark David Chapman si sono incontrati l’otto dicembre 1980 davanti alla Entrance Hall del Dakota Building, come se avessero concordato un appuntamento? Quali emozioni, pensieri, motivazioni li hanno condotti all’epilogo a tutti noto? In questo thriller documentale il campo di osservazione è duplice. C’è quello dell’assassino e quello della vittima. Separati nello spazio solo dal tempo, fino al momento del contatto, mediato da un’arma da fuoco. Da un lato John Lennon, l’uomo e l’artista che dopo un lustro di silenzio mediatico si apprestava a tornare sul palcoscenico, pronto a ricominciare da capo alle proprie regole; i suoi ultimi giorni, le ultime interviste qui riportate pressoché integralmente, le sue idee e i suoi ripensamenti sulla rivoluzione giovanile e gli anni del bagismo; il suo rapporto con Yoko Ono, figli, servitù e familiari e la sibling rivalry con Paul McCartney; l’interesse maniacale per numerologia, meditazione, dieta, astrologia, ufologia e la premonizione che sarebbe stato ucciso da un’arma da fuoco. Dall’altro lato dello specchio Mark David Chapman e il Piccolo Popolo di cui immaginava di essere unico re e sovrano; il sogno di uscire dall’anonimato e di diventare “qualcuno”; il rapporto con la Bibbia e le Sacre Scritture; la fascinazione per il giovane Holden; la sua idolatria fanatica per John Lennon e il contesto sociale e culturale in cui si è formato.
Prefazione di Ezio Guaitamacchi.

Da tempo “trapiantato” a Roma, l’autore barese Joe Santangelo  è notissimo negli ambienti sportivi come un vero guerriero del ring, detentore negli anni 90 di titoli nazionali ed europei. Poi la laurea, la carriera in una multinazionale, il riaffiorare della passione per la scrittura, inseguita di notte e nei lunghi viaggi di lavoro. La scrittura per scartavetrare le scorie che si sono depositate con il tempo sul modo di pensare e di vivere il quotidiano. Per recuperare le esperienze più ricche e intense del proprio recente passato, la musica, la filosofia e le arti marziali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *